Passa ai contenuti principali

Qoèlet


Ricordati del tuo creatore 
nei giorni della tua giovinezza, prima che vengano i giorni tristi e giungano gli anni
 di cui dovrai dire: 
“Non ci provo alcun gusto”; prima che si oscuri il sole, 
la luce, la luna e le stelle
 e tornino ancora le nubi
 dopo la pioggia; 
quando tremeranno i custodi della casa e si curveranno
 i gagliardi
e cesseranno di lavorare 
le donne che macinano, 
perché rimaste in poche, 
e si offuscheranno quelle 
che guardano dalle finestre
 e si chiuderanno i battenti
 sulla strada; 
quando si abbasserà
 il rumore della mola
 e si attenuerà il cinguettio 
degli uccelli e si affievoliranno tutti i toni del canto; 
quando si avrà paura delle alture e terrore si proverà 
nel cammino;
quando fiorirà il mandorlo 
e la locusta si trascinerà 
a stento e il cappero non avrà più effetto, poiché l’uomo 
se ne va nella dimora eterna
 e i piagnoni si aggirano
 per la strada; 
prima che si spezzi il filo d’argento e la lucerna d’oro s’infranga e si rompa l’anfora alla fonte e la carrucola 
cada nel pozzo,
e ritorni la polvere alla terra, com’era prima, 
e il soffio vitale torni a Dio
 che lo ha dato. 
Vanità delle vanità,
e tutto è vanità.

 ~ Qoèlet ~

Post popolari in questo blog

Carla Casolari

L' Amore non si mendica. Questione di reciprocità. 
Carla Casolari

Rob Sagendorph

Salite su una collina al tramonto. Tutti hanno bisogno ogni tanto di una prospettiva e lì la troverete. (Rob Sagendorph)

Giorgio Faletti

"Le persone più incantevoli al mondo, hanno sempre un vissuto complesso. Sono spesso le più difficili , ma anche quelle che sanno dare di più. Chi ha fardelli di dolore interiori , ma non si è arreso, riserva a chi ama i sorrisi migliori, quelli ancora vivi..." (Giorgio Faletti)